fbpx

Podcast

Le interviste di Emiliano La-Puteche OSPITE FRANCESCO CIRELLI, IL NEW YORK TIMES ELOGIA IL VINO ABRUZZESE

Per Chi Suona La Campana

 

 

Le interviste imperdibili

Le interviste di Emiliano, all’interno del programma “Per Chi Suona La Campana” da lui stesso ideato e condotto. In onda su Radio ISAV tutte le mattine dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle 11. All’interno del frizzante programma, Emiliano presenta anche la sezione editoriale “La Rassegna-TA Stampa” con tutte le notizie di cronaca regionale. Pazzo (spesso trasmette col megafono) colto (conosce tutta la  musica), con pochi capelli (è un dato di fatto) ma con fascino, Emiliano ogni mattina porta una ventata di positività. La domanda è: ma chi lo ascolta? Tutti coloro che ci sono sintonizzati e hanno ascoltato almeno una volta il suo programma mattutino! Ma ‘sto mezzo matto oltre che essere un grandissimo speaker radiofonico è anche un bel giornalista. La ciliegina sulla torta alla sua professionalità? Le sue fantastiche interviste. Un nostrano David Letterman!

Ospite su Radio ISAV Francesco Cirelli, titolare dell’Azienda Agricola Cirelli.

Oggi i microfoni di Radio ISAV ospitano Francesco Cirelli. Sin da piccolo, i suoi nonni gli fecero conoscere il mondo della campagna, con i suoi colori caldi e le sue atmosfere accoglienti. Ci volle davvero poco tempo affinché Francesco si innamorò perdutamente della terra, dei pascoli e delle coltivazioni. Grazie a questa passione e a tanto impegno, nel 2003 fonda l’Azienda Agricola Cirelli ,oggi situata ad Atri e circondata da ben 22 ettari di terreno coltivato. Tra i tanti prodotti che l’azienda offre spicca senza dubbio il vino in anfora, prodotto seguendo gli antichi metodi usati da Greci e Romani. In questa intervista Francesco ci racconta le caratteristiche del suo vino, il tempo necessario affinché questo arrivi sul mercato e come il vino abruzzese sia stato elogiato in modo particolare dal New York Times, raggiungendo un incredibile successo negli Stati Uniti!

Tutta l’intervista in Podcast!

Condividi su

Facebook Comments